Elezioni Europee 25 maggio 2014

ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI ALL’ITALIA
DA PARTE DEI CITTADINI DELL’UNIONE EUROPEA RESIDENTI IN ITALIA

 

In occasione della prossima elezione del Parlamento europeo, fissata per domenica 25 maggio 2014, anche i cittadini degli altri Paesi dell’Unione Europea potranno votare in Italia per i membri del Parlamento europeo spettanti all’Italia, inoltrando apposita domanda al sindaco del comune di residenza.
La domanda e’ scaricabile in quattro lingue ed  e’ allegata a questa pagina e, in altre lingue diverse,  e’ scaricabile dal sito internet del Ministero dell’Interno all’indirizzo http://elezioni.interno.it/optanti2014.html

- dovrà essere presentata agli uffici comunali o spedita mediante raccomandata entro e non oltre il 24 febbraio 2014.
Attenzione: chi non trovasse il modulo nella lingua di appartenenza deve compilare e consegnare il modello in inglese.

Nel caso in cui la domanda venga presentata personalmente presso gli uffici comunali, la sottoscrizione della domanda, in presenza del dipendente addetto, non sarà soggetta ad autenticazione. In caso di recapito a mezzo posta, invece, alla domanda dovrà essere allegata la fotocopia di un valido documento di identità.

Nella domanda – oltre ai dati personali – si dovrà espressamente dichiarare:

  • la volontà di esercitare esclusivamente in Italia il diritto di voto
  • la cittadinanza
  • l’indirizzo nel comune di residenza e l’indirizzo nello Stato di origine
  • il possesso della capacità elettorale nello Stato di origine (ossia non essere stato privato del diritto di voto nello Stato di provenienza)
  • l’assenza di provvedimenti giudiziari a suo carico che comporti, per lo stato di provenienza, la perdita dell’elettorato attivo.
  • Gli uffici comunali comunicheranno tempestivamente l’esito della domanda. In caso di accoglimento, gli interessati riceveranno la tessera elettorale con l’indicazione del seggio dove potranno recarsi a votare.

INFO: Ufficio Elettorale – Servizi Demografici

Campo San Martino

Aperto dal lunedì al venerdì 10.00 - 12.30 ed il giovedì anche 17.00 - 19.00.

Personale: Vania Zorzi e Diego Callegaro.

Tel. 0499698960.

Campodoro

Aperto dal lunedì al sabato 10.00 - 13.00 ed il martedì anche 15.00 - 18.30.

Personale: Daniela Vecchiato.

Tel. 0499065011.

Curtarolo

Aperto lunedì e venerdì 10.00 - 13.00, martedì e giovedì 10.00 - 13.00 / 17.00 - 18.45, mercoledì 11.00 - 13.00.

Personale: Boaretto Claudio e Forese Franca.

Tel. 0499699930 - 0499699931

Piazzola sul Brenta

Aperto dal lunedì al venerdì 8.30 - 12.30 ed il mercoledì e venerdì anche 17.00 - 19.00. Sabato (solo stato civile) 9.00 - 12.00

Personale: Puppett Ileana, Zambotto Giovanni e Lumetti Fabiano.

Tel. 0499697937.


Clicca qui per il modulo in lingua tedesca

 

Clicca qui per il modulo in lingua francese 

 

Clicca qui per il modulo in lingua inglese   

Clicca qui per il modulo in lingua spagnola



ELEZIONI EUROPEE: ISTRUZIONI PER GLI ELETTORI ITALIANI ALL’ESTERO
Gli elettori italiani all'estero (non iscritti nell'elenco degli elettori residenti Paesi UE) hanno tempo fino al 6 marzo per far pervenire al Consolato competente la domanda diretta al Sindaco del Comune nelle cui liste elettorali sono iscritti. 
In vista delle prossime elezioni per il Parlamento Europeo, che si svolgeranno nel periodo compreso tra giovedì 22 e domenica 25 maggio 2014, gli elettori italiani non iscritti nell'elenco degli elettori residenti negli altri Paesi membri dell'Unione Europea (UE) che tuttavia vi si trovino per motivi di lavoro o di studio e i loro familiari elettori conviventi, devono far pervenire entro il 6 marzo prossimo, al Consolato competente, un'apposita domanda diretta al Sindaco del Comune nelle liste elettorali del quale sono iscritti (articolo 3, comma 3, del decreto-legge n.408/1994, convertito dalla legge n.483/1994). Lo ha disposto il Ministro dell'Interno con il comunicato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale - Serie generale n.14 del 18 gennaio 2014.Il comunicato sarà trasmesso al Ministero degli Affari Esteri perché sia diffuso attraverso le rappresentanze diplomatiche e consolari italiane nei Paesi dell'Unione.
(Fonte: Ministero dell'Interno)