Informazioni

Cos'è la Tares

Il decreto legislativo 201/2011 ha introdotto il nuovo tributo sui rifiuti e sui servizi (TARES) imponendo a tutti i comuni del territorio nazionale di applicarlo a chi occupa o detiene locali nel territorio comunale. Questo tributo dovrebbe andare a coprire i

costi relativi al servizio di gestione dei rifiuti urbani e dei rifiuti assimilati avviati allo smaltimento, svolto in regime di privativa pubblica ai sensi della vigente normativa ambientale (precedentemente coperti dalla Tarsu o dalla Tia) e dei costi relativi ai servizi indivisibili dei comuni. Il Comune ha a sua volta incaricato Etra per le attività di calcolo ed invio. La Tares è pertanto articolata in due voci:

  • la componente relativa al tributo/corrispettivo a copertura integrale del costo del servizio di gestione dei rifiuti urbani e dei rifiuti assimilati agli urbani;
  • la maggiorazione riferita ai servizi indivisibili resi dal Comune (ad esempio: illuminazione pubblica, semafori, polizia e sicurezza, ecc.).

Il costo del servizio rifiuti è rimasto pressochè invariato rispetto all'anno precedente e viene fatturato da Etra con le consuete modalità, alcuni cittadini alla data di spedizione dell'F24 avranno già ricevuto la bolletta relativa al servizio rifiuti, altri la riceveranno in seguito.
La novità della Tares è la quota aggiuntiva, detta maggiorazione sui servizi indivisibili, definita nella misura di 0,30 euro/mq che dovrà essere versata, entro il 16 dicembre 2013, direttamente allo Stato. Per tale motivo, per il pagamento sarà utilizzato un modello F24 (Scarica la guida relativa alla compilazione del modello F24).

Come si paga?

Per facilitare il pagamento di quanto dovuto allo Stato, viene inviato ai cittadini un modello di pagamento F24 semplificato e precompilato. I dati riportati nello stesso sono quelli a disposizione di Etra in quanto già utilizzati per il calcolo delle bollette del servizio rifiuti.
Il pagamento è possibile presso tutti gli sportelli bancari e postali del territorio nazionale senza commissioni o spese aggiuntive.

Base imponibile

La normativa prevede che fino all'attuazione delle disposizioni contenute nel comma 9 bis, ossia all'allineamento dei dati catastali degli immobili con la toponomastica comunale, ai fini dell'applicazione del tributo si considerano le superfici dichiarate o accertate ai fini Tarsu/Tia, cioè le superfici calpestabili.
Per le situazioni in cui non sia disponibile il dato della superficie questa verrà rilevata e associata, quando possibile, alle banche dati secondo i dati resi disponibili presso l'Agenzia del territorio considerando assoggettabile alla maggiorazione l'80% della superficie catastale determinata secondo i criteri di cui al regolamento n° 138/98.

Come viene calcolato l'importo dovuto?

L'importo da versare deve essere determinato sulla base dei seguenti dati:

  • periodo in cui l'utenza è rimasta attiva
  • superficie imponibile: fino all'attuazione delle disposizioni di cui al comma 9-bis, ossia fino all'allineamento dei dati catastali degli immobili con la toponomastica comunale, il calcolo della Tares si basa sulla superficie calpestabile delle unità immobiliari dichiarate o accertate ai fini Tarsu (d.l. n. 507 del 1993), TIA 1 (d.l. n. 22 del 1997) o TIA 2 (d.l. n. 152 del 2002);
    nel caso in cui la superficie dell'immobile non sia disponibile, la superficie imponibile (da utilizzare per effettuare il calcolo dell'importo dovuto) è pari all'80% della superficie catastale delle unità immobiliari a destinazione ordinaria iscritte o iscrivibili nel catasto edilizio urbano
  • riduzioni applicate al corrispettivo/tributo relativo al servizio rifiuti (Le riduzioni sono evidenziate nella comunicazione accompagnatoria all'F24 inviata da Etra SpA)

N.B.: per autocertificare la superficie vi invitiamo a scaricare il modulo per utenze domestiche o l'equivalente per le utenze non domestiche e restituirlo presso gli sportelli Etra oppure via fax al numero 0498098701 oppure via email a info@etraspa.it.
Di seguito viene messo a disposizione un simulatore di calcolo.

A chi rivolgersi?

Per ulteriori approfondimenti Potrà rivolgersi al Numero verde di Etra, 800 247842 (dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 20), che in caso di necessità Le potrà fissare un appuntamento.
Sono a disposizione tutti gli sportelli di Etra:

Località Indirizzo Orari Apertura
Bassano del Grappa Via C. Colombo, 90 dal lunedì al venerdì:
08.30 - 13.00
14.30 - 17.00
Rubano Via Galvani, 1/A
Vigonza Via Grandi, 52
Cittadella Via del Telarolo, 9
Asiago Via Fratelli Rigoni Guido e Vasco,19 dal lunedì al venerdì:
08.30 - 13.00

Oppure all'ufficio Tributi del tuo Comune

Articolo tratto dal sito di Etra

CLICCA QUI! Per collegarti alla pagina del sito di Etra dove è disponibile la simulazione del calcolo della Tares.