Piazzola sul Brenta - Nuovo Piano Casa

dal 1 dicembre 2013.

Modalità, limiti di applicazione e modulistica

Disciplina generale.

Dal 01 dicembre 2013, l'applicazione del "Piano Casa" nella Regione del Veneto è stata prorogata fino al 10.05.2017 (Legge Regionale n. 32/2013).
Questa legge ha modificato ed integrato la precedente Legge Regionale, che conteneva la seconda versione del Piano Casa.

Gli interventi nel territorio comunale, non più disciplinati dalla deliberazione del Consiglio comunale n. 46 del 30/11/2011, riguardano sia gli edifici adibiti a residenza che quelli ad uso diverso da quello abitativo.

Le domande, relative al nuovo Piano Casa, potranno essere presentate agli uffici comunali a partire dal 01/12/2013, data di pubblicazione della Legge Regionale n. 32/2013 (BUR n. 103 del 30.11.2013), mentre le domande presentate con il 2° Piano Casa, verranno valutate secondo le indicazioni contenute nella deliberazione di Consiglio comunale (del. n. 46 del 30.11.2011). 

Possono beneficiare degli adempimenti del terzo Piano Casa gli edifici esistenti al 31.10.2013. Gli interventi di cui agli artt. 2,3,3 ter e 4 sono consentiti una sola volta anche se possono essere realizzati in più fasi. Il favor del 3° Piano Casa non potrà essere riferito ai fabbricati che hanno già utilizzato i bonus del 1° e 2° Piano Casa se non per il raggiungimento degli incrementi volumetrici e di superficie complessivamente previsti.

ESCLUSIONI.

In alcuni edifici o in alcune zone del territorio comunale non è possibile eseguire gli interventi del Piano Casa.
Le esclusioni sono stabilite direttamente dalla Legge (art. 9): ad esempio, gli edifici soggetti a vincolo monumentale, quelli ricadenti in aree assolutamente inedificabili o ad alta pericolosità idraulica, ovvero gli edifici anche parzialmente abusivi soggetti all'obbligo della demolizione.

TITOLO ABILITATIVO.

Titolo abilitativo necessario per eseguire gli interventi è la Dia (Dia alternativa al permesso di costruire), da presentare entro il 10.05.2017. 

INCENTIVI IN MATERIA DI CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE.

E' prevista la riduzione del contributo di costruzione per gli interventi da realizzare su edifici destinati a prima casa di abitazione nella misura del 60%. Nel caso in cui gli interventi su edifici destinati a prima casa di abitazione utilizzino fonti di energia rinnovabile con una potenza non inferiore a 3 kW, il contributo di costruzione non è dovuto.

 Documentazione utile e modulistica.

 N.B. LE PRATICHE VANNO INVIATE AL COMUNE UTILIZZANDO ESCLUSIVAMENTE LA PROCEDURA TELEMATICA, PENA LA LORO IRRECEVIBILITA'

 Normativa di riferimento.

  • L.R. 8 luglio 2009 n. 14 coordinata con la L.R. n. 32/2013 (Modifiche alla legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 "Intervento regionale a sostegno del settore edilizio e per favorire l'utilizzo dell'edilizia sostenibile e modifiche alla legge regionale 12 luglio 2007, n. 16 in materia di barriere architettoniche").

  • Comparazione L.R. 14/2009 e Nuovo Piano Casa 2013 

 Per informazioni

Settore Edilizia Privata/Urbanistica - Comune di Piazzola Sul Brenta
palazzo municipale, viale Silvestro Camerini, 3(secondo piano) 
orario: lunedì, mercoledì e venerdì dalle 8,30 alle12,30; mercoledì pomeriggio dalle 17,00 alle 19,00 e-mail: fabio.toniati@comune.piazzola.pd.it
responsabile: arch. Danilo Rossetto.

Per le PRATICHE RESIDENZIALI  i richiedenti devono rivolgersi ai tecnici di riferimento:
Bruno Francesconi e Fabio Toniati,
telefono 0499697922, fabio.toniati@comune.piazzola.pd.it

Per tutte le PRATICHE NON RESIDENZIALI:
Sportello unico edilizia produttiva SUAP – responsabile procedimento:
geom. Marianna Campagnaro,telefono 049 9697920
e-mail: marianna.campagnaro@comune.piazzola.pd.it